Quando il Vino e l'Olio erano doni degli Dei

La Filosofia della Natura nel Mondo Antico. Volume pubblicato grazie al Progetto “Parco senza Confini” nell’ambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit”. Gli autori e l’Editore esprimono all’associazione “Amici dell’Olivo secolare del Salento” e in particolare al Presidente Dott. Raffaele Cazzetta per il sostegno alla pubblicazione del volume.

Congedo Editore

€13,90

Informazioni

“…Prezioso è il capitolo iniziale del volume, dovuto ad Arianna Fermani e intitolato Tra ambiguità e misura: l’etica del bere in alcuni snodi della riflessione di Platone e Aristotele: pregevole contributo alla definizione del rapporto tra vino e filosofia, un binomio che la studiosa definisce fecondo e che affonda le sue radici nella ricchissima e varia humus della cultura greca delle origini. Perché ambiguità e misura? Il vino costituisce la bevanda ambigua per eccellenza: esso è un dono del dio Dioniso, una bevanda propria dell’uomo, simbolo della civiltà di un popolo, portentosa medicina dell’anima e del corpo, ma al tempo stesso un potente e pericoloso veleno: oscillazione tra salute e malattia, tra bene e male, che – osserva la Fermani – era alla base del pensiero dionisiaco.”

“Il capitolo di Mino Ianne, La natura parla ai filosofi. Conservazione dell’ambiente naturale e simbolismo dell’albero d’ulivo nel pensiero  dei Greci, è diviso sostanzialmente in due parti; nella prima egli delinea l’idea di natura e di paesaggio nella filosofia greca, in particolare nei presocratici e in Platone; nella seconda esamina il simbolismo dell’ulivo, tra l’altro, nella mitologia greca, in Omero e nei lirici greci. Per Ianne ripercorrere la storia dell’ulivo nel mondo greco permette di illuminare, da un’angolatura particolare, l’intero ecosistema della civiltà greca.”

 

dalla premessa introduttiva di Mario Capasso

Torna alla Home

Torna allo Shop

Visualizza Carrello