La Cultura. Il Barocco

Menhir, Dolmen e Specchie, costruzioni monumentali megalitiche disseminate nel territorio, rappresentano testimonianze incredibili di civiltà preistoriche.
Muri a secco, costituiti da una pietra molto dura, cingono le proprietà connotando tutta l’area con un paesaggio definito “della pietra“.
Numerose masserie, frantoi ipogei, musei della civiltà contadina, che raccontano la storia e le tradizioni del mondo rurale.
Stupore ed incredulità dinanzi a facciate barocche, affreschi e rosoni, così belli da creare una intima connessione tra terra e cielo, tra l’umano scalpello vibrante nella mano dell’artista e il divino dell’ispirazione.

Terra di confine

Il Salento è la regione più orientale d’Italia, è una terra di frontiera.
È la più antica delle terre pugliesi. Ogni zolla della sua terra trasuda tracce ancestrali della sua civiltà, che parla di Messapi, Bizantini, Normanni, Saraceni e Spagnoli. Un tempo veniva chiamata Terra d’Otranto.
La storia, le persone, la rigogliosa vegetazione mediterranea, gli itinerari naturalistici-culturali ed i paesaggi suggestivi lasciano incantati, irresistibilmente affascinati, perché capaci di rendere un passaggio nel Salento incancellabile dal cuore.